CONTROCORRENTE

 

Solo a quel punto avremmo potuto interagire con un approccio creativo che fosse “tutto nostro”, in grado di dare identità ad un progetto NUOVO.

E’ un settore questo, quello degli occhiali, senza dubbio entusiasmante.

Volevamo fare qualcosa.

Viverlo più intensamente.

Dire la nostra insomma.

Dovevamo entrare ma non sapevamo come.

Eppure questo mondo dava segnali chiarissimi, la risposta era lì, ma non la vedevamo o molto più probabilmente avevamo solo troppa paura per accettare la realtà.

Il prodotto era spesso simile, talvolta forse stantio, privo di innovazione, senza argomenti e identità, accompagnato da pratiche commerciali improntare esclusivamente su prezzi e numeri.

Le produzioni, sempre meno italiane, alla ricerca della manodopera a basso costo. L’Italia e la manifattura in ginocchio. Le tradizioni e i segreti dell’artigianato seriamente a rischio.

La risposta era chiara: dovevamo cercare.

Ma cercare cosa? Quando cerchi devi anche sapere cosa e dove cercare.

Dovevamo formarci.

Dovevamo capire bene e nel profondo come si sviluppasse la produzione di un occhiale, quali fossero le procedure, le tecniche; solo a quel punto avremmo potuto interagire con un approccio creativo che fosse “tutto nostro”, in grado di dare identità

 

NUOVO PROGETTO